dd

Metodologia informatica

Raccomandazioni elementari sul uso del computer in ambito umanistico:

Quale computer

Il computer da impiegare nel lavoro umanistico non deve essere specialmente performante. I compiti che dovrà svolgere si riducono a quelli normali di video-scrittura e, in aggiunta, di posta elettronica e navigazione in internet. Per questo non bisogna spendere troppi soldi in scheda grafica, processore e complementi vari. Un computer normale va benissimo per il lavoro di ricerca. Alcuni ricercatori impiegano persino il netbook, che si può acquistare ad un prezzo molto conveniente.

Quale software

La tendenza abituale è acquistare qualche suite di office di solito molto costosa (peggio ancora se si copia e si usa senza la dovuta licenza). Al inizio le cose sembrano andar bene finché cominciano a comparire i problemi: errori di sistema, incompatibilità tra le distinte versioni dello stesso programma, difficoltà per l'installazione di dizionari che appartengono a pacchetti linguistici differenti... Tutti questi problemi scompaiono con l'utilizzo di LibreOffice (prima chiamato OpenOffice), una suite gratuita e Open source che conta sulla collaborazione di un numerosisimo gruppo di sviluppatori. Questo software è in grado di leggere e registrare in formatto .doc e .docx, a parte il proprio formatto .odt. Inoltre, questa suite permette di installare tutti i dizionari linguistici di cui si ha bisogno in modo gratuito e senza problemi di compatibilità.

Quale codifica

La ricerca umanistica impone l'utilizzo di lingue diverse che, di solito, impiegano alfabeti differenti. Il modo più comodo ed efficace per lavorare senza perdere i dati è impiegare la codifica Unicode (utf-8) che ormai è lo standard in internet. Per lavorare con Unicode basta impiegare un font di questo tipo. Si veda, per il caso concreto del greco politonico, questa pagina.

Copie di sicurezza

Più di una volta si è verificato uno scippo di una borsa di computer in cui si trovava il computer con tutto il lavoro assieme alla copia di sicurezza. Questa perdita ha significato dover ricominciare tutta la ricerca. Quindi si raccomanda non solo fare copie molto speso, ma anche tenerle lontane dal computer.